TRA LE NEBBIE DEL TEMPO

LA NASCITA DI UNA LEGGENDA NEL GONG-FU CINESE TRADIZIONALE

Il Maestro Luigi Guidotti (ShiFu GuDeYi) nasce a San Benedetto del Tronto ed avvia la sua straordinaria avventura nel mondo del Kung-Fu Cinese Tradizionale nel 1967. La sua dedizione e la grande passione per questa disciplina millenaria lo hanno spinto a dedicare molte ore al giorno all’allenamento fin dalla giovane età, gettando le basi per una carriera che sarebbe diventata leggendaria.

Nel 1971 inizia a fare molti chilometri, affronta sacrifici e si esercita intensamente per tre anni con il suo primo insegnante, guida preziosa che lo accompagnerà attraverso gli alti e bassi di questa dura esperienza e da cui assorbirà il modo di insegnare e la filosofia di vita che ancora oggi lo caratterizzano. Con pazienza e dedizione, il suo Maestro gli trasmetterà non solo le competenze tecniche con cui il giovane maestro GuDeYi svilupperà nuove abilità e competenze, ma anche i valori e la mentalità necessari per diventare un buon insegnante e raggiungere un profonda consapevolezza di se’. Giorno dopo giorno, il giovane apprendista impara ad applicare le lezioni ricevute sia nella pratica, sia nella vita di tutti i giorni. La filosofia di vita che ha assimilato in questo viaggio diventa un pilastro fondamentale per la sua stessa esistenza, il giovane Maestro Guidotti comprende che ogni momento dell’esistenza può essere una preziosa opportunità di apprendimento.

Nel 1974, si mette alla prova come insegnante, inizialmente insegnando ad un piccolo gruppo di amici in forma privata. Nonostante l’inizio apparentemente casuale, dimostra fin da subito un’innata predisposizione per questo ruolo, aprendo la strada a ciò che sarebbe presto diventato non solamente una semplice attività fisica, ma un vero e proprio stile di vita che ha richiesto impegno, costanza e disciplina. La sua passione per l’insegnamento cresce rapidamente e ben presto scopre che trasmettere le proprie conoscenze e abilità è gratificante non solo per sé stesso, ma anche per coloro che imparano da lui. Il Maestro Guidotti dedica sempre più tempo ed impegno all’insegnamento, raffinando le sue tecniche e approfondendo le sue conoscenze al fine di offrire ai suoi studenti il meglio di sé. La sua reputazione si diffonde rapidamente e sempre più persone si avvicinano per imparare dalle sue lezioni. Egli si rende presto conto che ha l’opportunità di fare la differenza nella vita delle persone e decide di dedicarsi completamente a questa vocazione. Inizia così ad organizzare lezioni regolari e a formare gruppi di studenti desiderosi di imparare. Le sue lezioni diventano sempre più strutturate e complete, comprendono un’ampia gamma di argomenti e discipline. Grazie alla sua passione, dedizione e talento nell’insegnamento, il Maestro Guidotti acquisisce sempre più riconoscimenti e rispetto nel suo campo. Le sue abilità pedagogiche e la capacità di ispirare gli altri diventano il motore che alimenta la sua carriera. Anche se all’inizio l’insegnamento sembrava un semplice gioco tra amici, è diventato il percorso che ha definito la vita del Maestro Guidotti. La sua passione e talento nel trasmettere conoscenze e guidare gli altri lo rendono un insegnante di grande impatto e ispirazione per molti.

Finalmente, nel 1976, ShiFu Guidotti prende una decisione significativa aprendo corsi pubblici a San Benedetto del Tronto (AP) in un modesto locale di 30 metri quadrati. Questo passo segna l’inizio ufficiale del suo viaggio nell’insegnamento del Kung-Fu, fondando la sua scuola e dando inizio a una carriera che lo avrebbe portato a diventare un riconosciuto maestro nel campo del Gong-Fu Cinese Tradizionale Internazionale. L’avventura nel mondo dell’insegnamento del Kung-Fu inizia con grande entusiasmo e determinazione. ShiFu Guidotti si impegna a trasmettere l’arte marziale tradizionale aiutando i suoi allievi a sviluppare forza, flessibilità, disciplina e rispetto per sé stessi e per gli altri. Nonostante le dimensioni ridotte del locale, l’atmosfera è sempre carica di energia. Gli allievi si dedicano con impegno agli allenamenti, seguendo le istruzioni del Maestro e mettendo alla prova le proprie capacità fisiche e mentali. Nel tempo la Scuola di Kung-Fu acquista sempre più notorietà nella zona. Gli allievi crescono numericamente stimolati dalla passione dell’insegnante e dall’atmosfera accogliente e familiare che si respira. Il Maestro Guidotti, desideroso di offrire loro sempre migliori opportunità, decide di fondare ufficialmente la sua Scuola di Kung-Fu. Questo passo permette di ampliare il numero di corsi offerti offrendo un’ampia scelta di programmi adatti a diverse fasce di età e livelli di preparazione. La Scuola di Kung-Fu diventa così un punto di riferimento per gli appassionati di arti marziali della città. Gli allievi continuano a crescere e a progredire nelle loro abilità partecipando a varie competizioni locali e nazionali, ottenendo risultati eccellenti. Oltre agli allenamenti fisici, la Scuola di Kung-Fu organizza anche eventi e seminari per approfondire l’aspetto teorico e filosofico dell’arte marziale. Gli allievi hanno l’opportunità di imparare non solo le tecniche di combattimento, ma anche i valori di rispetto, umiltà e autodisciplina che caratterizzano il Kung-Fu. La Scuola di Kung-Fu a San Benedetto del Tronto diventa quindi un luogo non solo per allenarsi, ma anche per crescere come individui, trovando equilibrio e armonia tra corpo e mente. Nonostante i modesti inizi, la passione e la dedizione del Maestro Guidotti hanno permesso alla Scuola di diventare un punto di riferimento per tutti coloro che desiderano avvicinarsi alla disciplina marziale cinese. Nell’estate del 1976 a San Benedetto del Tronto l’evento “Kung-Fu sotto le stelle” rappresenta la prima esibizione in pubblico di ShiFu Guidotti come esperto di arti marziali ed ottiene un grande successo e consenso dal numeroso pubblico presente accrescendo il suo seguito di appassionati.

IL RICONOSCIMENTO INTERNAZIONALE

Nel 1981 il Maestro Guidotti diviene Direttore Tecnico Nazionale per il Kung-Fu tradizionale cinese A.N.I.K.A. (Associazione Nazionale Italiana Karate e Discipline Associate) e riveste un ruolo fondamentale nella promozione e sviluppo della sua disciplina all’interno dell’organizzazione. Questo importante riconoscimento comportò per ShiFu Guidotti la responsabilità di guidare, supervisionare e sviluppare il settore Kung-Fu cinese tradizionale nell’associazione, divenendo un punto di riferimento per istruttori ed atleti. Iniziò ad organizzare eventi, corsi e competizioni per promuovere la crescita e l’eccellenza nel Kung-Fu tradizionale cinese in Italia e la sua carriera decolla con notevoli risultati ottenuti. Nello stesso anno partecipa per la prima volta alla “Pasqua del Budo” (IV edizione), dove ottiene un notevole successo personale. La “Pasqua del Budo” a Milano era uno degli eventi più importanti nel panorama delle arti marziali in Italia del periodo e vantava la partecipazione di atleti e maestri provenienti da tutto il mondo. Nel corso della manifestazione venivano organizzate gare e a seguire numerose esibizioni che mettevano in mostra le diverse discipline marziali.

Il Maestro Guidotti, come direttore tecnico nazionale per il Kung-Fu dell’A.N.I.K.A., venne invitato a partecipare a questo importante evento e ad esibirsi di fronte ad una vasta platea di appassionati e specialisti. Grazie alla sua abilità tecnica e alla sua maestria, ottenne uno strepitoso successo durante la sua esibizione serale, le sue prestazioni straordinarie e la capacità di coinvolgere il pubblico gli valsero un riconoscimento speciale in un articolo dedicato all’esibizione milanese che venne pubblicato sulla rinomata rivista “Samurai”. Questa menzione confermò ancora una volta l’alto livello raggiunto e gli conferì una visibilità ancora maggiore nel mondo delle arti marziali italiane.

Nel 1984 ShiFu Guidotti decide di iscrivere la sua scuola alla I.C.M.A.F. di Hong Kong (International Combat Martial Arts Federation). L’adesione ad un’organizzazione internazionale, rappresenta la forte volontà di partecipare a una comunità più ampia condividendo interessi comuni e contribuendo allo sviluppo delle arti marziali oltre la propria nazionalità, un atto di apertura e inclusione che mira a promuovere una cultura di interscambio e collaborazione tra diverse scuole e maestri provenienti da tutto il mondo. La partecipazione ad eventi, competizioni e stage contribuiranno a costruire la solida reputazione del Maestro Guidotti nel panorama delle arti marziali intercontinentali. In questo contesto ShiFu Guidotti inizia seriamente a riflettere sul significato e sul valore delle arti marziali combattive, sul loro scopo ultimo e sulle dimensioni etiche delle arti marziali intese come sport da combattimento, deducendo che la moderna interpretazione del Kung-Fu cinese era sostanzialmente una deriva dell’originale spirito che animava gli antichi Maestri. Le arti marziali possono essere intese come strumenti per la difesa personale, per la promozione della salute fisica e mentale, per la crescita personale e spirituale o una combinazione di tutti questi aspetti. Le arti marziali non sono solo basate sulla forza fisica o sulla competizione, ma spesso incoraggiano principi quali il rispetto, la lealtà, l’integrità morale e la giustizia. Pertanto è importante verificare se l’organizzazione alla quale si intende iscriversi condivida questi valori etici fondamentali. Le arti marziali possono essere considerate come una forma di espressione culturale che ha radici profonde nella storia e nella tradizione. Esplorare e preservare queste radici culturali può contribuire a mantenerne viva la ricchezza e la diversità trasmettendo così l’eredità di una pratica antica e significativa. Per questo motivo il Maestro Guidotti, decide per sé e per i suoi allievi di non seguire più la massa e gli interessi delle varie federazioni, ma di concentrarsi su quegli importanti aspetti che, oltre al combattimento e alle gare, caratterizzano realmente l’arte marziale tradizionale.

IL DECENNIO D’ORO

TRASMISSIONI, PUBBLICAZIONI E EVENTI STRAORDINARI

Nel 1988, ha condiviso la sua esperienza come ospite nella trasmissione televisiva “Il mio viaggio nell’incredibile” su Rai2, contribuendo a diffondere ulteriormente la sua conoscenza delle arti marziali. Lo stesso anno, ha organizzato l’imponente evento “1° Vento d’Oriente” a San Benedetto del Tronto, un’importante esibizione che ha coinvolto 150 praticanti e attirato una folla di 2000 spettatori. Nel 1989, ha pubblicato il suo primo libro, “Hung Gar: Forma completa della Tigre e della Gru” il primo libro europeo dedicato allo stile della famiglia Hung, elogiato per la sua completezza dalla rivista Banzai.

Nel 1990, ha inaugurato il “Seminario Nazionale T.K.F.A.” presso la nuova palestra comunale di Acquaviva Picena, un evento di grande successo che sarebbe diventato un appuntamento annuale fondamentale nella vita della Traditional Kung-Fu Association.

Maestro Luigi Guidotti

Gli anni ’90 hanno visto ShiFu Guidotti espandere ulteriormente la sua conoscenza delle arti marziali e promuovere il Kung-Fu Cinese Tradizionale in Italia con una serie di eventi significativi. Nel 1992, ha invitato Shifu Brendan Lai in Europa per approfondire il QiXingTangLangQuan e apprendere da vari insegnanti a San Francisco. Nel 1993, ha iniziato una collaborazione continua con Shifu Kwon Wing Lam, invitandolo in Italia.

Nel 1995 e 1997, ha pubblicato libri e realizzato video didattici su vari stili. Nel 1998, ha pubblicato cinque volumi didattici e nel 1999, ha partecipato a un prestigioso torneo di arti marziali a Jinan, ottenendo il primo posto in diverse specialità. Nel 2000, ha effettuato una donazione personale per preservare la tomba del Gran Maestro Sun Lu Tang e ha celebrato il decimo “Seminario Nazionale T.K.F.A.” a San Benedetto del Tronto.

INNOVAZIONI, RIFORME E UN NUOVO INIZIO

Nei successivi anni, il Maestro Luigi Guidotti ha continuato a fare progressi e a diffondere la conoscenza del Kung-Fu Cinese Tradizionale. Ha organizzato esibizioni, pubblicato materiale didattico e ampliato la sua presenza in eventi nazionali e internazionali.

Nel 2017, ha rivoluzionato la Traditional Kung-Fu Association (T.K.F.A.), ristrutturando il suo sito web, riorganizzando obiettivi e programmi, e rimuovendo tendenze superficiali dalla pratica del Kung-Fu. Ha esteso il concetto di pratica tradizionale anche ai giovani praticanti, lasciando un’impronta indelebile nel mondo delle arti marziali e continuando a promuovere l’autenticità e la tradizione del Kung-Fu Cinese Tradizionale in Italia e nel mondo.

Want to know about our offers first?
Subscribe our newsletter

Subscribe our newsletter

[mc4wp_form id="806"]

error: © Copyright by Shifu KuDeYi (Luigi Guidotti)